Comune di Bardi - (PR)

IMU 2016


Nota IFEL su ravvedimento tributi comunali


SCADENZE VERSAMENTI I.M.U.:

ACCONTO 16 GIUGNO - SALDO 16 DICEMBRE

Il pagamento dovrà essere effettuato con arrotondamento all’euro per difetto se la frazione è inferiore a 49 centesimi, ovvero per eccesso se superiore a detto importo.

Il versamento si effettuano

TRAMITE MODELLO F24

codice Comune A646



LINK PER IL CALCOLO ONLINE:
http://www.riscotel.it/calcoloiuc2016/?comune=A646

calcoloiuc2015_bannerComuni

Ravvedimento operoso 
Il contribuente che si accorge di non aver provveduto nei termini previsti dalla legge ad effettuare i pagamenti richiesti, può versare tardivamente l’imposta dovuta applicando una sanzione ridotta e gli interessi moratori, come spiegato nella Nota IFEL allegata.
 Una volta effettuato il versamento tardivo occorre comunicare all’Ufficio Tributi l’avvenuto pagamento a sanatoria allegando la fotocopia Modello F24.


PER L’ANNO 2015 SONO CONFERMATE LE ALIQUOTE GIA’ IN VIGORE NELL’ANNO 2014 

ABITAZIONE PRINCIPALE
(art. 1 comma 707 legge di stabilità 2014)
 
ESENTE
ALIQUOTA RIDOTTA per abitazione principale di Cat. A/1, A/8 e A/9 e RELATIVE PERTINENZE cosi’ come definite (art. 13 c.2 D.L. 201/2011, convertito in Legge 214/2011)
 
5,5 per mille

Detrazione €. 200,00
ALIQUOTA PER TUTTI GLI ALTRI FABBRICATI ED AREE EDIFICABILI
 
9,60 per mille
ALIQUOTA PER I FABBRICATI PRODUTTIVI DI CATEGORIA “D”
 
8,60 per mille, 
di cui 7,60 per mille riservato esclusivamente allo Stato

I terreni agricoli ed i fabbricati strumentali all’attività agricola nel nostro Comune, classificato come montano, sono ESENTI.


RIMBORSI

Nel caso in cui sia stata versata in eccesso l’imposta rispetto a quanto effettivamente dovuto, è possibile richiedere il rimborso di quanto versato in eccesso utilizzando il modello previsto oppure inviando richiesta in carta semplice nella quale devono essere indicati i seguenti elementi:
• Annualità per la quale viene richiesto rimborso; 
• Generalità del richiedente (cognome, nome, data e luogo di nascita, residenza, codice fiscale, telefono, eventuale e-mail); 
• Imposta esatta dovuta; 
• Imposta erroneamente versata (allegare fotocopie versamenti eseguiti); 
• Differenza richiesta a rimborso; 
• Motivazioni della richiesta di rimborso; 
• Indicare coordinate bancarie e codice IBAN per accredito in c/c bancario.
Ai sensi dell’articolo 1, comma 164, Legge n° 296/2006: “il rimborso delle somme versate e non dovute deve essere richiesto dal contribuente entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento, ovvero da quello in cui è stato accertato il diritto alla restituzione.”.

ATTENZIONE:
Al Comune vanno inviate le richieste di rimborso inerenti anche l'imposta eventualmente versata in eccesso e di competenza statale per gli immobili siti nel Comune di Bardi.
L'Ufficio curerà l'istruttoria della pratica di rimborso comunicando allo Stato l'effettiva sussistenza del diritto al rimborso a favore del contribuente, lo Stato provvederà ad erogare il rimborso. 
Per questo caso si attende l'emanazione da parte del Ministero dell'Economia e delle Finanze di appositi decreti che definiscono le modalità di comunicazione degli adempimenti tra enti locali e Stato, sino ad allora l'istanza presentata è da intendersi sospesa non potendo il Comune erogare al contribuente somme non direttamente percepite.